Chiarimenti per scommettitori un po' precipitosi

Mi occupo, spero brevemente, di una materia che spesso emerge in forum di settore. Forum in cui, purtroppo, il lettore precipitoso confonde i confini (regolamentari e legali) tra .com e .it. E' il caso di un tweet che coinvolge Paddy Power (sito .com e non .it)  rea, a detta del cliente, di atteggiamento antipatico nell'offrire un ciclista che non prenderà parte ai Mondiali. Caro appassionato, qui di antipatico c'è solo lo sfottò che Paddy Power si meriterà dimostrando di non essere attenta alle news sul Ciclismo, ma nulla di più. La scommessa andrà a rimborso e sono sicuro che se il cliente Pinco contattasse il customer service ora, Paddy Power rimborserebbe subito la giocata.

Autofinanziamento? Stiamo parlando di un'azienda quotata a Londra e con una capitalizzazione di 2.3 miliardi di euro. Pensate servano le 10 £ di una bet su Cancellara?

L'occasione è ghiotta anche per chiarire che, purtroppo, e per lo meno per quanto riguarda gli avvenimenti del cosidetto Palinsesto Ufficiale, in Italia le scommesse possono essere aperte solo dopo che AdM (la vecchia AAMS) ha inserito i relativi eventi in piattaforma. Ecco perché ancora non si vedono le quote sui Mondiali! Problema superato dal Palinsesto Complementare che, infatti, permette a PaddyPower.it di offrire eventi minori di tennis, calcio, basket, volley ecc senza dover rispettare il timing ufficiale. E dove il beneficio è anche nella cosidetta refertazione, che ancora una volta non segue le vie di AdM ma è svolta in tempo reale dall'operatore.

Ci sono molte differenze tra siti .com e .it ed è bene tenerle presente nel momento in cui si procede a critiche o commenti talvolta superficiali. Detto questo, colgo la mozione del forum che richiede le quote sul Mondiale e mi impegno a farle quotare quanto prima, per renderle disponibili al pubblico italiano che sui .com non può (o non potrebbe) giocare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le 5 canzoni più belle per raccontare il ritorno in una relazione

Verrà il vento e ti parlerà di me

Cara AdM (AAMS): ora serve modernità